Il Blog

Rimani sempre aggiornato con le nostre news
Perchè i Marketers hanno ancora problemi a misurare l’engagement?
29 Oct 2018

Perchè i Marketers hanno ancora problemi a misurare l’engagement?

Scritto da Riccardo Brambilla

I marchi più coinvolgenti sono le aziende che stanno conquistando i cuori e le menti dei consumatori e li riescono a mantenere. 

Ma, per tutto il clamore ben giustificato sull'investimento di risorse nell'incremento della Cutomer Experience (CX) per incrementare il coinvolgimento, la realtà è che i marketer stanno avendo problemi ad avere un impatto. La maggior parte dei marketer fatica a misurare il coinvolgimento. E ciò che non puoi misurare non lo puoi comprendere veramente o realizzare, almeno ciò vale per il marketing. 

 

L’analisi in tempo reale è ancora lontana? 


Sicuramente i marketers auspicavano in un avvento tecnologico che gli avrebbe consegnato tra le mani una vera e propria chiave di lettura per ottimizzare l’esperienza del cliente in tempo reale. Con l’analisi in tempo reale, i professionisti del marketing saprebbero come si sta svolgendo una determinata campagna e quindi potrebbero offrire un coinvolgimento personalizzati con i clienti in tempo reale. 

Senza di esso, siamo obbligati a fare affidamento sui dati storici per comprendere il rendimento delle campagne: è il contenuto giusto, il momento giusto, il canale giusto per il giusto cliente? A queste domande potremo dare una definitiva risposta solamente dopo la conclusione della campagna, analizzando i dati in nostro possesso.  

Secondo il rapporto del Consiglio dell’OMC, denominato The State of Engagement 2018, il fattore principale per creare una valida strategia di customer experience è l’avere sistemi che possono sfruttare i dati in tempo reale. 

 

Report OMC

 

Nel 2017 il 43% dei marketer ha speso più di un quarto dei propri budget in tecnologie nuove ed aggiornate, ma solo il 7% sta realmente sfruttando i dati in tempo reali nella propria piattaforma di engagement. Non solo la Customer Experience è in ritardo, ma solo il 5% è in grado di vedere l’impatto finanziario dell’impegno in tempo reale. 

 

Come possono i Marketer recuperare nell'attività di engagement con i clienti?

I Marketer dovranno prendere in considerazione l’adozione di salti tecnologici più seri. Dovranno aumentare la formazione in ambito IT e implementare un singolo sistema invece di cercare di modificare e combinare diversi strumenti. Le aziende che eccellono nei loro ambiti – Amazon, Spotify, Brainshark, ecc. - hanno già sviluppato degli algoritmi di apprendimento automatico. Questi algoritmi stanno diventando sempre più intelligenti, imparando con l’interazione di ogni cliente e l’input di dati.  

Offrire una migliore esperienza al cliente diventerà ancora più importante nei prossimi due anni, perchè i consumatori si stanno abituando a questa esperienza senza soluzione di continuità. 

 

Sviluppo tempo reale

 

È difficile da crederlo, ma poco più di dieci anni fa, i primi iPhone stavano entrando nel mercato. Solo pochi anni fa il marketing mobile era ai suoi primi approcci. Ora stiamo esaminando ulteriori cambiamenti portandoci sempre di più a un mondo ancora più collegato, espresso in maniera concreta dal concetto di IoT (Internet of Things) 

Quindi marketer, siate pronti!